Alla fine della II Guerra Mondiale, con la chiusura della sede toscana, Ambrogio Colombo abbandona il settore alimentare, specializzandosi nel commercio di semilavorati di metalli non ferrosi.